Leggendo le varie notizie che riguardano il mondo della disabilità, siamo incappati in una vicenda quantomeno grottesca.

Noi di CONF.A.E.L. in tempi non sospetti denunciammo le anomalie che di fatto ci sono nella Legge 104/92.

Infatti secondo la scrivente O.S., non esiste un diritto soggettivo del dipendente pubblico al riavvicinamento alla sede di lavoro, più vicina al domicilio della persona da assistere (art. 33, comma 5, I. n. 104/1992).

Leggi tutto

Scriviamo questo articolo per congratularci con Nicholas Deplano, per essersi diplomato presso l’I.I.S. Marconi di Imperia su un argomento che lo tocca personalmente.

Deplano è di ispirazione per molti suoi coetanei, un vero esempio di vita anche per chi a volte si sente scoraggiato o spreca il suo tempo.

Questo 19 enne è affetto da focomelia agli arti superiori, è appassionato di calcio, tanto da essere diventato allenatore dei ‘primi calci’ nella ASD Badalucco e a settembre 2020 ha conseguito l’esame e ottenuto il patentino di allenatore di calcio Uefa C.

Un altro importante passo che a breve vedrà protagonista Nicholas, è l’entrata nei quadri dirigenziali come segretario regionale disabilità del nostro sindacato Conf.A.E.L., dando un aiuto concreto alle persone con disabilità nella nuova sede inaugurata l il 28 giugno, in via Aurelia, a Riva Ligure.

Sicuri che la disabilità è solo negli occhi di guarda rinnoviamo i nostri complimenti a Nicholas allegando la tesi con cui si è diplomato, che si consiglia vivamente di leggere.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA TESI

Si dice spesso che la sordità è una disabilità invisibile, difficile da mettere a fuoco in tutti i suoi aspetti. La sordità non “si vede”, è riconoscibile solo al momento di comunicare.

Quando si parla di sordità non si deve pensare soltanto alla patologia in sé, focalizzando l’attenzione sugli aspetti medico-riabilitativi, un ambito nel quale occorre senz’altro impegnare energie e ricerche, ma si devono analizzare anche e soprattutto le implicazioni sociali che da essa derivano.

Questa è una disabilità molto grave in quanto colpisce la dimensione relazionale e comunicativa dell’individuo, il suo essere in società.

Leggi tutto

Nella Capitale ci sono circa 1500 famiglie che quest’anno non avranno accesso all’assegno mensile previsto per le disabilità gravissime.

Famiglie che necessitano assolutamente di un aiuto economico: una persona non autosufficiente ha necessità di assistenza continuativa e monitoraggio costante.

Mamme, papà e fratelli, in un periodo già difficile da affrontare, non avranno i circa 700 euro mensili previsti per l’assistenza diretta dei propri cari o indiretta tramite cooperative o enti qualificati.

Leggi tutto

Dal 16 Aprile, per coloro che non hanno ancora fissato l’appuntamento per la prima dose con il proprio medico di famiglia, è possibile prenotarsi anche sul portale ed effettuare la vaccinazione presso i centri vaccinali.

Persone con Elevata Fragilità (persone estremamente vulnerabili e/o con gravi disabilità), che non hanno compiuto 80 anni ad oggi, si distinguono in due categorie:

Leggi tutto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: